cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 03:42
Temi caldi

Perugia: prospettive per cure leucemia da ricercatori ospedale

16 giugno 2014 | 18.44
LETTURA: 2 minuti

Una nuova speranza si concretizza per i pazienti affetti da leucemia a cellule capellute

alternate text

Si è svolta questa mattina nella sala dei Notari di palazzo dei Priori a Perugia una conferenza stampa sui riconoscimenti ricevuti dal professor Brunangelo Falini e dallo staff della struttura complessa di ematologia del Santa Maria della Misericordia per uno studio che apre prospettive di cura per i malati di leucemia a cellule capellute.Una nuova speranza si concretizza per i pazienti affetti da leucemia a cellule capellute. Questo è quanto è emerso dal 19esimo Congresso della Società Europea di Ematologia (EHA) che si è svolto nei giorni scorsi a Milano e a cui hanno partecipato più di 10.000 ematologi e ricercatori provenienti da ogni parte del mondo.

Lo studio dei ricercatori perugini è stato scelto tra 2500 presentati al Convegno, in tutto le ricerche oggetto di discussione ed approfondimento sono state appena sei. Le speranze sono legate all'impiego di un farmaco intelligente, chiamato Vemurafenib, nel trattamento della leucemia a cellule capellute, una forma particolare di leucemia cronica che è così definita per la presenza di caratteristici prolungamenti sulla superficie delle cellule tumorali. Lo studio è stato ideato e coordinato da Brunangelo Falini. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza