cerca CERCA
Mercoledì 29 Giugno 2022
Aggiornato: 22:47
Temi caldi

Salute: 1 italiano su 4 con fegato grasso, spia cattive abitudine a tavola (2)

27 maggio 2014 | 12.10
LETTURA: 2 minuti

(Adnkronos Salute) - "L'ecografia è l'esame di screening più semplice per scoprire se la statosi epatica è sopra il dato del 25% che rappresenta la norma", sottolinea Bonino. Ma quando va fatta un'ecografia al fegato? "Quello che serve è una cambiamento culturale tra gli specialisti - osserva l'esperto - perché se è vero che oggi questo esame è richiesto da figure diverse come il cardiologo, il diabetologo, il gastroenterologo o l'internista, non sempre viene presa bene in considerazione la presenza di grasso nel fegato".

"Ma recenti studi internazionali - aggiunge lo specialista - ci dicono che l'avere o non avere il fegato grasso è un indice che si correla ad un alto rischio di comorbilità di alcune malattie. Perciò la scoperta di questa patologia durante l'ecografia addominale in un soggetto asintomatico costituisce la spia per patologie epatiche (steato-epatiti) e non epatiche (sindrome metabolica, diabete, dismetabolismi lipidici, malattie cardiovascolari). Oggi - suggerisce Bonino - è possibile quantificare il grasso epatico con un esame non invasivo come la spettrometria in risonanza magnetica metodica (Sp-Rm), disponibile al costo sostenibile di un esame di routine".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza