cerca CERCA
Domenica 23 Gennaio 2022
Aggiornato: 10:48
Temi caldi

Sanita': ArchiMed, progetto italiano di telemedicina alle Nazioni Unite

09 aprile 2014 | 18.03
LETTURA: 2 minuti

Verona, 9 apr. (Adnkronos Salute) - Sbarca domani alle Nazioni Unite un progetto pilota di telemedicina 'made in Italy', che coinvolgerà Tunisia, Marocco, Egitto e Libia: in ogni Paese il progetto si prefigge di formare fino a 1.000 figure mediche e di assistere fino a 3 milioni di pazienti, con una netta riduzione dei costi e di dispendio di risorse. Così b! SpA (gruppo Ceit) descrive ArchiMed, progetto che parteciperà insieme a Occam (Observatory for Cultural and Audiovisual Communication) alla XIV Infopoverty World Conference, che si terrà il 10 e 11 aprile a New York, presso la sede dell'Onu.

ArchiMed integra e rafforza la telemedicina e supporta lo sviluppo di un modello di Sanità 3.0, che sfrutta la telemedicina per attività di formazione e pratica medica sul campo. Pensato come progetto pilota per le nazioni dell'Euromediterraneo (in primis Tunisia, Marocco, Egitto e Libia), ArchiMed intende portare il servizio sanitario di base capillarmente sul territorio, formando da 500 a 1.000 figure paramediche in ciascun Paese e assistendo fino a 3 milioni di cittadini. Iniziata lo scorso anno, la collaborazione tra b! Spa e Occam ha portato quest'anno le due realtà a diventare Partner e ad essere riconosciute come Sponsor ufficiali per le Nazioni Unite

ArchiMed si sviluppa in tre fasi. E-learning: attraverso un percorso formativo a medici/paramedici su ciascuna nazione, intende sviluppare e diffondere la cultura medica in Paesi disagiati o in via di sviluppo. E-training: in cui i medici e paramedici formati diffondono a loro volta la conoscenza formando altro personale medico e paramedico in loco. Infine e-health sul territorio: la classe medica così formata diventa presidio sanitario in mobilità, per assistere persone che vivono in aree remote e disagiate. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza