Home . Soldi . Finanza . Borse in rosso dopo Cina e WS, Milano -0,7%

Borse in rosso dopo Cina e WS, Milano -0,7%

FINANZA
Borse in rosso dopo Cina e WS, Milano -0,7%

(FOTOGRAMMA)

La battuta d'arresto in Cina di produzione industriale e vendite al dettaglio, ai minimi da quindici anni e quindi primi concreti segnali dell'impatto sull'economia del Dragone della guerra commerciale con gli Stati Uniti, spargono incertezza tra le Borse di tutte il mondo. Dopo il tonfo delle asiatiche in mattinata (Tokyo -2,02%; Shanghai -1,53%), le piazze europee chiudono tutte in territorio negativo, risalendo nel pomeriggio dai minimi.


La Borsa di Milano lascia sul terreno lo 0,72% a 18.910 punti. Parigi chiude in calo dello 0,88%, Francoforte dello 0,54%. E' negativa Londra (-0,47%) e pesante Wall Street, dove gli investitori sono preoccupati per gli scenari di una crescita globale minore del previsto. Il Dow perde l'1,8%, il Nasdaq segna -1%.

Sul mercato obbligazionario, lo spread Btp-Bund resta stabile rispetto all'avvio intorno ai 270 punti (rendimento 2,95%), ma leggermente in rialzo dalla chiusura di ieri a 268 punti.

In Europa, proseguono senza sosta i negoziati tra il Governo italiano e la Commissione: il premier Giuseppe Conte ha annunciato che i saldi di bilancio restano quelli annunciati e che non ci sarà "nessun dietrofront su reddito e pensioni". Sul paniere di Piazza Affari, spiccano i ribassi del settore auto e industria, con Tenaris maglia nera della seduta (-2,25%). I titoli più venduti sono anche Brembo (-2,2%), Ferrari (-2,2%). Sono deboli le banche: Ubi banca segna -2,09%, Banco Bpm -1,8%. Acquisti su Terna (+1%), Poste (+0,9%) e Mediobanca (+0,9%).

L'euro è in calo a 1,129 dollari. Il prezzo del greggio è in calo a 51,2 dollari al barile.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.