Home . Soldi . Finanza . Il 2019 parte male in Borsa

Il 2019 parte male in Borsa

FINANZA
Il 2019 parte male in Borsa

(Fotogramma)

Le borse europee aprono la prima seduta dell'anno con forti ribassi. Londra cede l'1,75%, Francoforte l'1,28% e Parigi il 2,34%. A Milano il Ftse Mib lascia sul terreno l'1,87% a 17.981 punti, mentre lo spread è stabile a 254 punti dopo la fine il 31 dicembre scorso del Quantitative easing della Bce. A pesare sul listino milanese anche la decisione della Bce di porre Banca Carige in amministrazione straordinaria. Nuova seduta in netto calo per il prezzo del petrolio: il Wti cede un punto percentuale a 44,8 dollari al barile e il Brent a 53,1 dollari.


Sull'indice principale della piazza milanese soffrono i titoli bancari, appesantiti anche dalla decisione dell'istituto di Francoforte su banca Carige, oggi sospesa dalle negoziazioni. Bper cede il 3%, Ubi Banca il 2,80%, Banco Bpm il 2,84%, Unicredit il 2,66% e Intesa Sanpaolo il 2,24%. Saipem si aggiudica la maglia nera, con una flessione del 3,15%. Male anche nel settore petrolifero Tenaris (-2,61%) ed Eni (-1,63%).

Ribassi oltre i due punti percentuali per Fca, Prysmian, Azimut, Leonardo, Ferrari e Moncler. In territorio positivo il titolo Juventus, in rialzo dello 0,94%. Limitano le perdite le utility.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.