cerca CERCA
Domenica 16 Gennaio 2022
Aggiornato: 11:23
Temi caldi

Salute: memoria fa cilecca se da giovani abuso bevande zuccherate

30 luglio 2014 | 11.38
LETTURA: 2 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - Il consumo eccessivo di bevande zuccherate durante l'adolescenza potrebbe danneggiare la memoria. A stabilirlo è una ricerca dell'University of Southern California presentata al congresso della 'Society for the study of ingestive behavior' di Seattle. Lo studio ha rivelato che il consumo giornaliero di bevande dolcificate (con alto contenuto di fruttosio, sciroppo di mais o saccarosio) soprattutto tra gli adolescenti può compromettere la loro capacità di apprendere e di ricordare da grandi.

Gli scienziati hanno verificato la 'cilecca' della memoria nei topi adulti: le cavie hanno consumato le bevande zuccherate per un mese e poi sono state sottoposte ai test cognitivi rispondendo normalmente. Tuttavia, quando il consumo si è verificato durante l'adolescenza, i topi hanno riportato dati alterati nelle prove di apprendimento.

Secondo Scott Kanoski, autore dello studio "non è un segreto che i carboidrati raffinati, soprattutto se consumati in forma liquida possono portare a disturbi metabolici. Però, i nostri risultati rivelano che il consumo di bevande zuccherate può anche interferire con la capacità del cervello di funzionare normalmente e ricordare le informazioni. L' effetto è amplificato però se il consumo avviene durante l'adolescenza". Oltre a causare disturbi della memoria - conclude la ricerca - le bevande zuccherate producono anche l'infiammazione dell'ippocampo, un'area del cervello che controlla molte funzioni tra cui l'apprendimento e le capacità mnemoniche.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza