cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 22:56
Temi caldi

Immunoterapia contro cancro colon, sparite metastasi in una donna

09 dicembre 2016 | 13.13
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Dall'immunoterapia speranze nella lotta al cancro al colon metastatico. Il caso di una paziente, trattata con successo con una forma sperimentale di immunoterapia, sbarca sul 'New England Journal of Medicine' e da qui sul 'New York Times'. E suscita speranze anche contro un altro tumore insidioso: il cancro al pancreas. La ricerca infatti è la prima a bersagliare con successo un difetto in un gene chiamato Kras, le cui mutazioni sono molto comuni in vari tipi di tumore.

"Tutti i pazienti con cancro al pancreas hanno il Kras mutato", spiega Carl H. June dell'University of Pennsylvania, che ha scritto un editoriale sulla vicenda. Ebbene, la mutazione è presente anche nel 30-50% dei pazienti con tumore del colon.

Protagonista del caso - descritto dai ricercatori americani del National Cancer Institute dei National Institutes of Health (Bethesda) diretti da Steven Rosenberg - è una donna di 50 anni, con un tumore del colon retto metastatico, ms. Ryan. Una paziente arruolata nel trial dopo che per due volte, riferisce il Nyt, i ricercatori le avevano negato l'ok, perché il suo tumore non era grande abbastanza. Ma la donna si è rifiutata di darsi per vinta, e alla fine è entrata nella ricerca. Il team ha usato linfociti T citotossici, o Til, che stimolano il sistema immunitario a combattere il cancro, e sono capaci di riconoscere la specifica mutazione Kras della paziente. I ricercatori volevano capire se l'infusione di Til fosse efficace contro il tumore metastatico.

Per prima cosa la paziente è stata sottoposta a rimozione di diverse metastasi polmonari: i ricercatori hanno localizzato così i linfociti T citotossici, che sono stati coltivati in laboratorio ed esaminati. I tessuti della donna si sono rivelati una miniera d'oro: l'equipe ha trovato una specifica mutazione Kras (condivisa da altri pazienti con cancro al colon e al pancreas), e identificato quattro tipi di linfociti T più abili a riconoscere la mutazione (Kras G12D) della paziente. Così il team ha selezionato quelle più 'potenti', coltivandole in vitro e moltiplicandole.

A questo punto la paziente è stata sottoposta a chemioterapia, dopodiché sono stati infusi più di 100 miliardi di Til in endovena. Un'infusione durata circa 20 minuti. Al termine, sono state somministrate 5 dosi di interleuchina-2, sostanza che stimola le cellule T. Prima del trattamento la Ryan aveva 7 tumori nei polmoni, dopo nove mesi, spiegano i ricercatori, sei si erano rimpiccioliti e sono poi scompassi, il settimo era progredito ed è stato asportato chirurgicamente.

Oggi Ryan non ha segni di cancro. "Mi sento alla grande", dice. Certo, ci sono molti passi da fare, e il fatto che questo approccio abbia funzionato in un caso non vuol dire che sia valido per tutti. Ma si tratta, secondo i ricercatori, di un approccio che ha il potenziale di aiutare molte persone.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza