cerca CERCA
Venerdì 07 Maggio 2021
Aggiornato: 14:30
Temi caldi

Ricerca: Premio Ore'al-Unesco a 5 scienziate, una per ogni continente

19 marzo 2014 | 19.20
LETTURA: 2 minuti

Roma, 19 mar (Adnkronos Salute) - Cinque scienziate d'eccezione premiate quest'anno per il loro contributo al progresso scientifico e l'eccellenza del loro lavoro nel campo neurobiologia, immunologia ed ecologia. L'Oréal e l'Unesco rinnovano la partnership 'For Women in Science', con il riconoscimento assegnato questa sera a Parigi. Insieme a loro, 15 giovani scienziate riceveranno una delle borse di studio internazionali messe in palio dal programma.

Nonostante negli ultimi 10 anni sia aumentata del 12% la 'quota rosa' nella ricerca - sottolinea una nota - la parità di genere è tutt'ora un traguardo lontano. L'Oréal ha commissionato una ricerca svolta in 14 Paesi, tra avanzati ed emergenti, che ha rilevato quando e quanto si sviluppa il gender gap. Già alla laurea la differenza tra ragazze e ragazzi nella prospettiva di perseguire una carriera scientifica si attesta a un 32% e prosegue. Una ragazza, a partire dal diploma, ha una media del 35% di possibilità di iscriversi a una facoltà scientifica (77% per un ragazzo); è del 18% la possibilità che ottenga una laurea di carattere scientifico (37% per un ragazzo), dell'8% che consegua un Master di specializzazione (19%) e il 2% che concluda il dottorato (6%)

E ancora. Solo l'11% delle posizioni più alte in ambito accademico sono occupate da donne. I diversi percorsi di carriera scientifica prescindono dalle performance registrate durante la scuola superiore, che vedono femmine e maschi ottenere gli stessi risultati in materia di studio. Dal 1998, anno della fondazione del premio Fwis (For Women in Science), solo il 3,5% dei premi Nobel della scienza sono stati assegnati a donne (l'80% dei quali erano per la Medicina). Potenziali scienziate di domani, dunque, rinunciano alla carriera scientifica per via di stereotipi che fanno fatica a scomparire. Contrastare questa tendenza è obiettivo primario del programma Fwis, oltre a celebrare l'eccellenza scientifica femminile e incoraggiare i talenti di domani. E' necessario - osservano i promotori - colmare il gap tra uomini e donne per allargare la base della comunità scientifica mondiale, della quale le donne rappresentano meno di un terzo tutt'oggi. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza