Borsa Milano in calo a metà seduta con europee, reagisce Saipem

FINANZA
Borsa Milano in calo a metà seduta con europee, reagisce Saipem

La Borsa di Milano, reduce da due sedute consecutive in rosso, inizia la settimana all'insegna della prudenza, con i principali indici in lieve calo a fine mattinata, insieme alle principali piazze azionarie europee.


Occhi su Grecia e Fed - Continua a pesare l'incertezza sulla Grecia, mentre il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis si incontra a Berlino con il collega tedesco Wolfgang Schaeuble. Gli operatori guardano poi alle prossime mosse della Federal Reserve sui tassi, alla luce del dato positivo degli occupati non agricoli di venerdì scorso.

Borsa Milano in calo frazionale - In piazza Affari l'indice guida Ftse Mib cede lo 0,17% a 22.810, mentre l'indice generale All Share perde lo 0,21% a 24.366. Scambi per 888 mln di euro di controvalore, da 3,41 mld nell'intera seduta di venerdì scorso. Su 317 titoli in negoziazione, 81 sono in rialzo, 223 in calo e 13 invariate.

In calo anche le principali Borse europee - La peggiore nel Vecchio Continente è Lisbona, dove il Psi 20 lascia sul parterre l'1,67% a 5.707 punti. Debole il Cac a Parigi, in calo dello 0,62% a 4.8990; a Francoforte il Dax segna -0,53% a 11.137; a Londra il Ftse -0,06% a quota 6.800; a Madrid l'Ibex cede lo 0,72% a 10.982. Ad Amsterdam l'Aex perde lo 0,63% a 476,36 punti, mentre a Zurigo lo Smi cede lo 0,25% a 9.082.

Futures Wall Street cauti, crolla Istanbul - Si attendono segnali da Wall Street, ma i futures sui principali indici segnano cali frazionali: quello sull'S&P 500 cede lo 0,1%. Tra i mercati periferici, si segnala il crollo della Borsa di Istanbul, all'indomani delle elezioni che hanno visto l'Akp, che governa la Turchia dal 2002, perdere la maggioranza assoluta in Parlamento. Il benchmark Bist 100 cede il 6,18%.

Su l'euro e l'oro - Sul mercato valutario l'euro viene scambiato intorno a 1,11 dollari, in lieve rialzo. L'oro a pronti al London Bullion Market vale stamani 1.173,4 dollari l'oncia, in rialzo da 1.164,6 dollari venerdì pomeriggio.

Saipem prova a reagire - Sul Ftse Mib Saipem (+2,43%) recupera dopo il -13% di giovedì scorso sui timori di un possibile aumento di capitale. Deboli gli altri petroliferi: Eni cede lo 0,38%, Tenaris lo 0,46%. In calo Banca Mps (-2,24%) e il diritto (-2,43%). Flettono anche St (-1,67%) e Autogrill (-1,36%).

Parte bene l'aumento Carige - La banca genovese guadagna terreno sull'All Share (+3,23%) nel primo giorno dell'aumento di capitale; flette il diritto (-11,13%). Spompa Enervit (-6,52%), maglia nera della Borsa di Milano.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.