cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 15:11
Temi caldi

Farmaci: Roche, contatti con Novartis solo per esprimere preoccupazioni

14 marzo 2014 | 16.55
LETTURA: 2 minuti

Roma, 14 mar. (Adnkronos Salute) - Roche "rifiuta ogni addebito e precisa che i contatti con Novartis menzionati dall'Antitrust non avevano alcuna natura anti-competitiva, ma esprimevano la preoccupazione nel constatare che un farmaco studiato, sviluppato, registrato e utilizzato in tutto il mondo per le sue indicazioni in oncologia, potesse venire manipolato, potenzialmente contaminato e comunque impropriamente usato in indicazioni prive di qualsiasi approvazione da parte delle autorità sanitarie mondiali, con rischio per la sicurezza e la salute stessa dei pazienti". E' quanto riporta un comunicato dell'azienda farmaceutica svizzera, accusata di un presunto 'cartello' con Novartis sui farmaci salvavista.

Roche ribadisce "la correttezza del proprio operato e della propria posizione e conferma la fiducia nel fatto che le sue ragioni saranno pienamente affermate. Nel ribadire che ricorrerà al Tar del Lazio nei confronti del provvedimento dell'Agcm, a tutela della propria immagine e dei propri diritti, Roche ribadisce che Avastin (bevacizumab) e Lucentis (ranibizumab) sono farmaci diversi - per composizione, struttura e modalità di somministrazione - studiati e sviluppati per scopi terapeutici differenti: Avastin (bevacizumab) è un farmaco oncologico, mentre Lucentis (ranibizumab) ha un uso oftalmico". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza