cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 10:52
Temi caldi

Coronavirus, ultime notizie sul covid in Italia e nel mondo

11 novembre 2020 | 07.24
LETTURA: 17 minuti

alternate text
Afp

Zone gialle, rosse e arancioni dopo la firma di una nuova ordinanza sulle regioni da parte del ministro Speranza, bollettini dei contagi aggiornati e tutte le ultime notizie sul coronavirus dall'Italia e dal mondo.

ORE 20.50 - "Il lockdown" come quello di marzo "non ce lo avremo e non ce lo possiamo permettere, il Paese non reggerebbe. Ma questo non vuol dire escludere rigorosi lockdown territoriali". Lo dice il ministro Francesco Boccia parlando dell'emergenza Coronavirus a Porta a Porta.

20.36 - "Non credo che ci possano essere allenamenti delle misure per Natale: dovremo anzi prevedere molto probabilmente una limitazione delle persone riunite a non oltre il primo grado di parentela . Credo che sarà un Natale ben diverso da quello che abbiamo conosciuto" . Così il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa (Pd), ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

ORE 20.00 - "Non voglio dire che gli italiani a Natale dovranno digiunare, si potranno raccogliere in piccoli gruppi, ma i grandi cenoni familiari e grandi veglioni quest'anno ce li dobbiamo dimenticare fin d'ora". Così Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco-università Statale di Milano, intervistato dal Tg4, che aggiunge: "Anche se chiudessimo tutto oggi, e riaprissimo per Natale o prima di Natale, è abbastanza evidente che se non manteniamo le precauzioni, anche dopo la riapertura cadremmo esattamente nell'errore di ferragosto, quando un'interpretazione disinvolta del 'dobbiamo convivere col virus' ha portato al risultato che il virus ha fatto festa insieme a gli italiani".

ORE 19.20 - Gli ultimi dati sull'andamento della pandemia di Covid-19 in Italia "confermano qualche segnale positivo, non in termini di abbassamento della curva" dei contagi, "ma di riduzione della velocità di crescita. Si può dunque pensare che stiano producendo qualche effetto il nuovo Dpcm e le restrizioni modulate in base a 3 diverse fasce di rischio", commenta all'Adnkronos Salute il virologo dell'università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco, che nella lettura del trend epidemico intravede un elemento di speranza: "E' probabile che la curva si stia avvicinando al picco, un picco che potrebbe essere raggiunto la prossima settimana - stima l'esperto - dopo il giorno 15, fra il 18 e il 20".

ORE 19.14 - A quanto apprende l'Adnkronos, nella riunione tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione delle forze di maggioranza si sarebbe valutato l'invio dell'Esercito e della Protezione civile a Napoli. L'idea, caldeggiata anche dal presidente del Consiglio, sarebbe finalizzata a dare supporto e sostegno alle strutture sanitarie in affanno per l'emergenza coronavirus e ad allestire ospedali da campo, non legata dunque a timori per l'ordine pubblico.

ORE 19.00 - A quanto apprende l'Adnkronos, nella riunione tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione delle forze di maggioranza si sarebbe valutato l'invio dell'Esercito e della Protezione civile a Napoli. L'idea, caldeggiata anche dal presidente del Consiglio, sarebbe finalizzata a dare supporto e sostegno alle strutture sanitarie in affanno per l'emergenza coronavirus e ad allestire ospedali da campo, non legata dunque a timori per l'ordine pubblico.

ORE 18.55 - A quanto apprende l'Adnkronos, nel corso dell'incontro tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione delle forze di maggioranza il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro, avrebbe spiegato ai presenti che, sul fronte scuola, la fascia più a rischio contagi è quella che va dai 14 ai 18 anni. Lo riferiscono fonti di governo presenti all'incontro.

ORE 18.50 - "In queste ultime 24 ore mi sono confrontato con la nostra direzione sanitaria regionale, con tutti i sindaci dei Comuni capoluogo, tutti i presidenti di Provincia e tutti i prefetti dell'Emilia-Romagna. Ho avuto conferma della necessità di introdurre nuove misure per contrastare la diffusione del Covid. In particolare, per impedire assembramenti. Ritengo necessari anche controlli più stringenti con relative sanzioni per chi si ostina a trasgredire le regole". Lo annuncia il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.

ORE 18.45 - Solo ora si iniziano a vedere gli effetti del lungo lockdown primaverile legato alla pandemia di Covid-19. Secondo uno studio italiano, condotto dal team di Mario De Curtis dell'Università La Sapienza di Roma pubblicato su 'Archives Disease in Childhood', nel periodo in esame è triplicato il numero dei nati morti. L'Italia, ricordano i ricercatori, è stato in Europa il primo Paese colpito violentemente dall'onda epidemica. Le drastiche misure adottate nell'immediato per frenarla, anche se certamente necessarie, hanno determinato una serie di effetti negativi e in particolare una crisi economica e sociale che ha interessato milioni di persone.

ORE 18.00 - Superati i 50mila morti per complicanze legate al coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore si sono registrati 595 decessi riconducibili all'infezione. Lo riferisce il governo britannico, portando così la Gran Bretagna a essere il primo Paese europeo a superare tale soglia.

ORE 17.45 - "Domani firmerò l'ordinanza contro assembramenti per dare regole a chi ancora oggi non le rispetta". Lo ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia oggi nel corso del punto stampa. "Nel primo pomeriggio sarò in videoconferenza con i colleghi di Emilia Romagna Stefano Bonaccini e del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga". "Ieri abbiamo avuto l'incontro con tutti i sindaci dei comuni capoluogo e tutti si sono detti estremamente preoccupati per la situazione. Tutti hanno detto si faccia quel che è necessario con grande spirito di squadra".

ORE 17.40 - Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 572 nuovi contagi (6.171 tamponi eseguiti) e 13 decessi da Covid-19. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 16.102, di cui: 4.778 a Trieste, 6.414 a Udine, 2.977 a Pordenone e 1.732 a Gorizia, alle quali si aggiungono 201 persone da fuori regione.

ORE 17.35 - Oggi 416 nuovi contagi e un triste record di morti in Sardegna dove 14 persone (quattro donne e dieci uomini, di età compresa tra i 64 e i 97 anni) hanno perso la vita in un solo giorno a causa del Covid-19. È quanto registra il bollettino quotidiano dell’Unità di crisi regionale.

ORE 17.30 - Ampiamente superata in Italia la soglia del 30% di posti letto di terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19, definita "critica" dal ministero della Salute nell'emergenza coronavirus. La media italiana è infatti salita rapidamente negli ultimi giorni attestandosi al 37%, ma è allarme rosso in 11 regioni e nelle 2 Province autonome del Trentino Alto Adige, che l'hanno ampiamente superata.

ORE 17.20 - Oggi nel Lazio, "su oltre 26mila tamponi (-2.767), si registrano 2.479 casi positivi (-129) e 174 sono recuperi di notifiche arretrate in particolare nella Asl di Rieti e Asl Roma 5; 38 i decessi (+2) e 447 i guariti (+190). Il rapporto tra positivi e i tamponi è a 9,3%".

ORE 17.18 - Sono 2.953 i nuovi casi di coronavirus in Piemonte secondo il bollettino diffuso oggi. Nella regione, da ieri sono stati registrati altri 84 morti, che portano il totale a 4.826 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia.

ORE 17.15 - Sono 8.180 i nuovi casi di coronavirus in Lombardia secondo il bollettino diffuso oggi. Nella regione, da ieri sono stati registrati altri 152 morti, che portano il totale a 18.723 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia.

ORE 17.10 - Sono 3.166 i nuovi casi di coronavirus in Campania secondo il bollettino diffuso oggi. Nella regione, da ieri sono stati registrati altri 34 morti, che portano il totale a 896 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia.

ORE 16.55 - Sono 32.961 i nuovi casi di coronavirus in Italia secondo i dati resi noti oggi nel bollettino del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 630 morti, che portano il totale a 42.953 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia.

ORE 16.46 - Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 11 novembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 7.913 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati rilevati 1.332 casi positivi.

ORE 16.00 - L'Autorità regolatoria brasiliana Anvisa (Agencia Nacional de Vigilancia Sanitaria) ha annunciato la ripresa della sperimentazione di fase 3 per il vaccino cinese anti Covid-19. I test erano stati sospesi ieri dopo la morte di uno dei volontari del vaccino prodotto dalla casa farmaceutica cinese Sinovac.

ORE 15.58 - Gli ospedali italiani "sono ormai vicini al collasso a causa di due fattori concomitanti: carenza di personale sanitario e mancanza dei posti letto, a fronte dell'abnorme afflusso di malati per la rapida e vertiginosa diffusione dell'infezione virale". Lo segnalano in una lettera aperta le società scientifiche degli internisti, Fadoi e Simi, dei geriatri, Sigg e Sigot, e l'associazione degli infermieri di Medicina interna, Animo, denunciando la "drammatica situazione ospedaliera" dovuta alla pandemia da Covid-19.

ORE 15.24 - L'Unità di crisi della Regione Campania comunica che "nella settimana del 2-8 novembre la percentuale di occupazione dei posti di terapia intensiva su scala regionale è del 27%. L'indicatore di occupazione dei posti letto di terapia intensiva - si legge in una nota - è dato dal rapporto tra il tasso giornaliero di pazienti Covid ricoverati nel giorno indice sul numero di posti letto totali di terapia intensiva attivi nel giorno indice moltiplicato per 100".

ORE 14.44 - E' vero, come scrivono oggi i giornali, che deciderete entro la fine della settimana il lockdown generalizzato? "Non è vero. Noi venerdì, una volta ricevuti in maniera completa tutti i dati, decideremo, attraverso la cabina di regia, se vi sono altre regioni che meritano un passo successivo in termini di gravità e quindi ulteriori chiusure". Risponde così il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, alla domanda dei conduttori di 'Un giorno da pecora' su Rai Radio 1.

ORE 14.40 - Domenico Arcuri sarà responsabile del piano di distribuzione dei vaccini anti Covid. Si apprende da fonti di governo. La decisione è stata presa in una riunione questa mattina, si riferisce, con il premier Giuseppe Conte e il ministro della Salute, Roberto Speranza.

ORE 14.19 - 87.337 positivi, con 3.082 nuovi casi nelle ultime 24 ore, oltre 17.000 persone in isolamento, 1.773 ricoverati (+77), 216 in terapia intensiva (+6) e 2.689 morti dall'inizio dell'epidemia, 46 nelle ultime 24 ore. Questo il bollettino di oggi sul Covid in Veneto.

ORE 13.24 - Il Comitato tecnico scientifico della Sardegna aveva espresso parere negativo sulla ipotesi di riapertura delle discoteche, il 6 agosto scorso, riapertura avvenuta poi con ordinanza del Presidente della Regione, Christian Solinas, firmata l'11 agosto. Lo riporta Repubblica.it, citando alcuni passaggi del documento dei professori Stefano Vella, Pietro Cappuccinelli, Francesco Cucca e Giovanni Sotgiu. Dalla ricostruzione di Repubblica emerge che prima della contestata ordinanza di agosto, ora oggetto anche di una indagine della Procura di Cagliari, ci sarebbe stata una seconda interlocuzione, informale, tra un dirigente della Regione e alcuni componenti del Cts e a questo si riferirebbe il presidente quando, nella premessa dell'ordinanza, riporta di aver acquisito il parere del Comitato Tecnico scientifico.

ORE 13.22 - Oltre 3,6 milioni di nuovi casi di Covid-19 nel mondo in una settimana, l'8% in più della settimana precedente. Un aumento ancor più marcato lo segnano i decessi, oltre 54mila, +21%. Oltre la metà (54%) dei nuovi contagi, quasi 2 milioni, e dei morti si concentra in Europa. I dati emergono dall'aggiornamento epidemiologico settimanale dell'Organizzazione mondiale della sanità, che registra quasi 50 milioni di casi nel mondo e più di 1,2 milioni di morti dall'inizio della pandemia.

ORE 12.58 - Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha inviato una lettera al prefetto di Napoli, Marco Valentini, chiedendo "la rapida definizione di un piano generale di interventi articolati" volto a "impedire assembramenti e attività che incentivano una mobilità non legata alle esigenze essenziali". Nella lettera De Luca cita "episodi clamorosi di assembramenti fuori controllo verificatisi in particolare sul lungomare di Napoli e in alcuni luoghi del centro storico" e sollecita, "con riferimento al Dpcm 3/11/2020 e alle recenti direttive del ministro dell'Interno, la rapida definizione di un piano generale di interventi articolati per precise realtà territoriali e garantito nella sua attuazione, già dai prossimi giorni, da controlli efficaci delle forze di polizia nazionali e locali, e volto a impedire assembramenti ed attività che incentivano una mobilità non legata alle esigenze essenziali".

ORE 12.56 - Il collegio dei commissari europei "ha autorizzato un quarto contratto" di preacquisto, con "Pfizer e Biontech", dopo quelli già firmati con altre tre compagnie farmaceutiche, che consentirà di comprare "fino a 300 mln di dosi" del vaccino contro Covid-19, se sarà "efficace e sicuro". Ne dà notizia a Bruxelles il portavoce capo della Commissione Europea Eric Mamer.

ORE 12.28 - ''Le risorse che abbiamo investito per le imprese e gli strumenti di rapidità con le quali le abbiamo messe in campo non sono indifferenti. Per quanto riguarda la liquidità sono 1 milione e e 252mila le imprese che hanno avuto accesso per una erogazione di oltre 101 miliardi al momento, ma segnalo soprattutto i 975mila imprenditori che hanno fatto la richiesta per il prestito garantito al 100% e sono oltre 19 miliardi di liquidità. Siamo l'unico Paese ad averlo fatto". Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, lo spiega in occasione del convegno di Confindustria sullo sviluppo del digitale.

ORE 12.23 - "Abbiamo 46 morti in 24 ore, 216 persone in terapia intensiva, abbiamo passato i 1800 ricoverati. Siamo ai livelli di marzo". Sono le parole di Luca Zaia, governatore del Veneto, che a L'aria che tira analizza i dati di oggi relativi all'emergenza coronavirus in Veneto. "La sanità del Veneto tiene, non siamo ancora allo stress test ma ci siamo vicini", aggiunge. "Farò ordinanze contro gli assembramenti. Lavoriamo per evitare il lockdown, dipende dai comportamenti dei cittadini. Tra 11mila medici del Veneto, si è infettato solo l'1,8% perché si usano le protezioni. Bisogna indossare la mascherina, osservare il distanziamento e lavarsi le mani".

ORE 11.50 - Il vaccino russo Sputnik V, il primo al mondo registrato l'11 agosto scorso, "ha un tasso di efficacia del 92% dopo la seconda dose". Lo annunciano il National Research Center for Epidemiology and Microbiology 'Gameleya Center' e il Russian Direct Investment Fund sul sito internet del progetto. La conferma si basa sui primi dati dello studio clinico di Fase 3 in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo, che ha coinvolto in Russia 40mila volontari. Le analisi hanno valutato, 21 giorni dopo la prima iniezione, l'efficacia del vaccino su oltre 16mila volontari che hanno ricevuto l'immunizzazione e il placebo. A settembre Sputnik V è stato somministrato, fuori dallo studio clinico, per la prima volta a un gruppo di volontari degli ospedali russi nelle zone 'rosse', anche in questo caso "è stata confermato il tasso di efficacia di oltre il 90%". I dati raccolti dai ricercatori del Gamaleya Center saranno presto pubblicati e resi pubblici dopo la fine della sperimentazione.

ORE 11.40 - Fonti qualificate del M5S dicono all’Adnkronos che la “Campania in area gialla è una presa in giro, con medici e infermieri allo stremo e ospedali che scoppiano. Si agisca subito per una stretta, istituendo zone rosse nelle aree più critiche”, come Napoli e Caserta. Sarebbe questa, a quanto si apprende, la proposta che avanzerà il M5S nelle prossime ore.

ORE 11.39 - "Tra il 19 ottobre e l'1 novembre le nuove diagnosi di Covid-19 sono state fatte nel 35% dei casi su pazienti con sintomi, nel 27% per screening e nel 20% per contact tracing". Lo evidenzia, in un tweet, l'Istituto superiore di sanità, postando l'ultimo rapporto sull'andamento dell'epidemia di Covid in Italia. Epidemia "in rapido peggioramento sull’intero territorio nazionale", ribadisce l'Iss.

ORE 10.44 - "Registriamo tantissimi positivi asintomatici, ci sono anche molte persone guarite a casa, ma la percezione che abbiamo nell'ultima settima è che la Capitale stia reggendo l'impatto di questa seconda ondata. Non siamo con l'acqua alla gola come qualche settimana fa quando davvero era difficile lavorare". A fare il punto con l'Adnkronos Salute è Pierluigi Bartoletti, responsabile delle Uscar del Lazio, i team di medici e infermieri che operano nei drive-in e sul territorio.

ORE 10.15 - "Abbiamo un'emergenza sanitaria che tocca l'emergenza sociale, bisogna agire immediatamente. La priorità è curare e proteggere le persone dal Covid e quindi faremo di tutto nei prossimi mesi perché il vaccino sia disponibile, perché le cure contro questa malattia siano disponibili". A dichiararlo, intervenendo a 'Uno Mattina' è stato il ministro per gli Affari Europei, Vincenzo Amendola. "Allo stesso tempo - ha aggiunto - alle disuguaglianze, alle povertà all'impoverimento che c'era nel nostro paese dobbiamo oggi far fronte con nuove risorse, sul lato dell'occupazione innanzitutto. Utilizzeremo i soldi del Next Generation per l'occupazione femminile, per assistenza, infrastrutture che servano per curare dal punto di vista sociosanitario, dal punto di vista delle città, che spesso hanno dei luoghi di esclusione. Faremo di tutto per ricostruire sull'occupazione femminile, giovanile delle opportunità. E' una fase di emergenza, in questa fase bisogna essere uniti".

ORE 9.32 - "Prossimi mesi saranno terribili, il virus è rapidissimo". Lo ha rimarcato Walter Ricciardi, docente di Igiene all'università Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, ospite di 'Agorà' su RaiTre. "Il personale medico e sanitario è più restio oggi a entrare nei reparti Covid perché è stato anche vilipeso - ha aggiunto - Dopo la prima fase 'eroica' oggi è cambiata la situazione”.

ORE 9.31 - "In Lombardia ci sono più contagi perché c’è poca disciplina". Così Silvio Garattini, presidente e fondatore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, ospite di 'Radio Anch'io' su RaiRadio1. "Il Servizio sanitario nazionale non è organizzato per le emergenze. Paghiamo l'abbandono della medicina del territorio", ha aggiunto.

ORE 9.02 - ''I dati sui contagi nelle scuole li hanno le asl e li comunicano all'Istituto superiore di Sanità che pubblica un rapporto complessivo una volta a settimana: l'ultima volta ha riferito che c'è il 3,5% di focolai rispetto a quelli di tutto il paese''. Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina a 'Radio Anch'io'. "Sono dati buoni anche rispetto agli altri paesi europei'', ha aggiunto. "Bisogna considerare anche i rischi derivanti dalla chiusura delle scuole, io sono convintissima che noi rischiamo un disastro dal punto di vista psicologico, dello sviluppo formativo, sociologico, educativo di un bambino'', ha continuato Azzolina.

ORE 9.00 - "Siamo come in guerra, sotto assedio. Lo si vuole capire?". Così alla Voce di Rovigo Massimo Galli, ordinario di Malattie infettive alla università statale di Milano e direttore Malattie infettive dell'ospedale Sacco. Che striglia il Veneto: "Le piazze piene di questi giorni mostrano una pericolosa tendenza a trasgredire. Alcuni sembrano ostinarsi a non voler capire che siamo nel pieno di una guerra contro un nemico, il Covid, che non è disponibile alla trattativa. Per questo non c'è alcun dubbio che l'appello dell'ordine dei medici per un lockdown in tutta Italia sia condivisibile".

ORE 8.32 - "Stiamo vedendo una circolazione intensissima delle persone in tutte le zone d'Italia. Con queste modalità il fatto che stiamo andando verso un lockdown generale è plausibile. Sicuramente in questa seconda fase ci sono anche insofferenze psicologiche". Così Walter Ricciardi, docente di Igiene all'università Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, stamane ospite in collegamento di Agorà.

ORE 8.24 - Il vaccino non estinguerà il coronavirus "ed è meglio dirlo con chiarezza. Tutti i vaccini in dirittura d’arrivo, a cominciare da quello della Pfizer, non sopprimeranno il coronavirus. Per capirci, saranno più simili ai vaccini antiinfluenzali che a quello della Polio. Ci proteggeranno dalla malattia, ma non la faranno sparire". Così il professor Giuseppe Remuzzi, intervistato dal Corriere della Sera. Secondo lo scienziato, in ogni caso "si può dire con ragionevole certezza che questi vaccini garantiranno una immunizzazione di massa, e che nel giro di qualche anno la maggior parte degli abitanti della terra avrà la sua dose".

ORE 8.20 - Ancora brutti record per gli Stati Uniti. Secondo la Johns Hopkins University si sono registrati in 24 ore oltre 200.000 casi di coronavirus. Gli Stati Uniti, primo Paese al mondo per numero di contagi e vittime a causa della pandemia, registrano - stando agli ultimi aggiornamenti della Jhu - 10.256.094 casi di Covid-19 e 239.673 morti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Record, secondo la Cnn che cita i dati del Covid Tracking Project (Ctp), anche di ricoveri ospedalieri: alla giornata di ieri erano 61.964 le persone ricoverate. In media significa 1.661 nuovi ricoveri al giorno.

ORE 7.59 - "Glielo dico con chiarezza: stiamo lavorando proprio per evitare la chiusura dell'intero territorio nazionale. Monitoriamo costantemente l'andamento del contagio, la reattività e la capacità di risposta del nostro sistema sanitario, e soprattutto confidiamo di vedere a breve gli effetti delle misure restrittive già adottate. È una situazione in evoluzione che valutiamo con la massima attenzione". Lo dice, intervistato da, La Stampa, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Alla domanda: capisco che il lockdown avrebbe un costo economico altissimo, tanto più alla vigilia di Natale: potrebbero andare in fumo 110 miliardi di consumi e 25 miliardi di Pil. Si sente di dire agli italiani che le feste saranno salve? Conte risponde: “La salute dei cittadini è un bene primario da tutelare. Fra l'altro, l'esperienza della prima ondata in molti Paesi ci insegna che solo contrastando efficacemente il virus si può proteggere davvero l'economia”.

ORE 7.44 - La Germania conferma 18.487 nuovi casi di coronavirus e altri 261 decessi. I nuovi dati dell'Istituto Robert Koch portano il totale a 705.687 contagi e 11.767 morti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. In Germania sono circa 454.800 le persone guarite.

ORE 7.07 - Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria nella zona arancione, la Provincia autonoma di Bolzano nella zona rossa. Entra in vigore da oggi l'ordinanza firmata ieri dal ministro Speranza, che applica nuove regole per le regioni che vedono cambiare colore e status, con maggiori restrizioni rispetto a prima. "Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sentiti i presidenti delle Regioni interessate, ha firmato l'ordinanza che individua le regioni che passano dall'area gialla a quella arancione e rossa (rischio alto, livello 3 l'area arancione; rischio alto, livello 4 l'area rossa)", si legge sul sito del ministro in una nota pubblicata nella serata di ieri.

Complessivamente, quindi, dalla giornata di oggi la ripartizione delle regioni nelle diverse aree è attualmente la seguente: in 'area gialla' Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto; in 'area arancione' Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria; in 'area rossa' Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza